Gestione Affitti

Affitto, la clausola risolutiva non può funzionare automaticamente

di Valeria Sibilio

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Nelle dispute giudiziarie tra locatore e locatario l'agire dei contraenti va valutato, anche in presenza di una clausola risolutiva espressa, secondo il criterio generale della buona fede. È quanto è emerso dalla sentenza 220 del 2018, pronunciata dal Tribunale Ordinario di Aosta, nella quale si è esaminato un caso originato dal ricorso depositato dalla proprietaria di un compendio immobiliare, adibito a casa di riposo, nei confronti del proprio locatario, per inadempimento del contratto di affitto, chiedendone la risoluzione del rapporto...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?