Gestione Affitti

Impianti gas non a norma: ne risponde il locatore

Matteo Rezzonico

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
In un appartamento è presente una cucina di libera installazione (nuova, dotata valvole di sicurezza) collegata a una bombola a Gpl. Il locale è dotato di una finestra con anta a ribalta, ma non di aperture permanenti di areazione o ventilazione. La loro presenza, infatti, vanificherebbe l'azione dell'impianto di riscaldamento dell'appartamento, sito a un piano alto ed esposto a venti. Per affittare tale appartamento a uso abitativo, c'è l'obbligo (sanzionato) di realizzare tali condotti secondo le norme Uni-Cig e far certificare l'impianto a gas? Qualora, invece, nel contratto di locazione venga pattuito che il conduttore accetta l'immobile così com'è (senza fori di areazione) e si fa carico di ogni possibile evento pregiudizievole, incluse eventuali fughe di gas, il locatore è esonerato da obblighi e responsabilità?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?