Gestione Affitti

L’affitto non si presume sulla base di «comportamenti concludenti»

di Luca Bridi

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC


Il contratto di locazione non può essere desunto per comportamenti concludenti o da una manifestazione tacita di volontà. Così si è espressa la III^ Sezione Civile della Corte di Cassazione, con la recente Ordinanza n. 29313/17, Relatore Consigliere Dott. Marco Rossetti, depositata il 7 dicembre 2017.
La vicenda nasce nel 2005, quando alcuni dipendenti convennero in giudizio la società loro datrice di lavoro dinanzi al Tribunale di Salerno, esponendo di avere occupato “pacificamente e in buona fede” nove appartamenti di...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?