Gestione Affitti

Il canone agevolato in assenza di accordi

Luca Stendardi

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Intendo locare a canone agevolato una casetta in un comune di 2062 abitanti (provincia di Trieste), non ad alta densità abitativa e privo di accordo territoriale. Posso riferirmi all'articolo 1, comma 2 del decreto interministeriale 14 luglio 2004 utilizzando l'accordo di un "comune demograficamente omogeneo di minore distanza territoriale" (circa 100 km) che avrei individuato, per il quale vige un accordo territoriale dal 25 luglio 2004? In caso affermativo, è possibile incrementare l'unica fascia di oscillazione del canone prevista dall'accordo applicando le variazioni Istat-Foi al 75 o al 100%? È forse possibile riferirsi invece alla zona 4 (avorio), più vicina, dell'accordo territoriale di Trieste, che dista meno di 2 km dalla frazione abitata dove si trova la casetta e presenta le stesse caratteristiche tipologiche e demografiche delle frazioni carsiche del comune di Trieste?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?