Gestione Affitti

L'EFFETTO DEL RECESSO NEL CASO DI PIÙ COINQUILINI

LA DOMANDA
Ho un contratto di locazione di un appartamento cointestato con altri 2 coinquilini. La forma del contratto è di 4 anni + 4, con preavviso di recesso di 6 mesi. Il 31 dicembre 2015 scadono i primi 4 anni di locazione. Per evitare il rinnovo automatico, intendo mandare per tempo al proprietario una raccomandata per recedere dal contratto. Posso inserire nella lettera con la quale esercito il recesso la condizione per cui, nel caso di riduzione o del canone di locazione o del periodo di preavviso (da portare al massimo a 3 mesi) io possa continuare a essere uno dei titolari del contratto?

Se il contratto è cointestato con altri due conduttori, l'eventuale recesso comunicato dal solo lettore non impedisce la prosecuzione del contratto nei termini originari con gli altri due conduttori. Necessario però è verificare se non vi sia qualche clausola particolare che leghi di fatto tutti conduttori in maniera indissolubile per cui non potrebbe essere consentito il recesso di uno solo. Nella comunicazione di recesso si può inserire la precisazione di essere disponibili ad un nuovo contratto con canone e clausole differenti da quelle originarie; il proprietario sarà libero di accettare o meno di tale richiesta anche tenendo conto dell'atteggiamento degli altri due conduttori.

Da: Condominio24


© RIPRODUZIONE RISERVATA