Dalle Associazioni

Home restaurant, depositata la proposta di legge in Saregna per la regolamentazione

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

È di oggi, 14 febbraio, la notizia che il gruppo di Fratelli d'Italia, con i consiglieri della Regione Sardegna Francesco Mura e Fausto Piga, ha presentato una proposta di legge regionale per l'introduzione di «una specifica disciplina per consentire lo svolgimento di attività di ristorazione nelle abitazioni private e per l'utilizzo di abitazioni private a completamento del servizio di ristorazione tradizionale». Lo annuncia Home Restaurant Hotel, l’associazione di categoria guidata dal Ceo Gaetano Campolo.

Il consigliere Piga ha dichiarato che «Vogliamo contribuire a valorizzare il patrimonio enogastronomico della Sardegna e offrire nuove opportunità di lavoro e crescita che non devono essere considerate in concorrenza con le tradizionali attività turistiche e tantomeno con quelle della ristorazione».

«La realtà degli Home Restaurant si è affermata in modo naturale come risposta fisiologica a nuove economie ed esigenze. L'Unione Europea ne ha sempre riconosciuto il valore e le potenzialità ed ha più incitato gli Stati membri ad adottare misure a favore del comparto, nonostante ciò il governo italiano non è ancora stato in grado di adottare misure adeguate lasciando un vuoto che spesso si è prestato ad abusi da parte dei detrattori di questa attività» Così afferma con soddisfazione Gaetano Campolo, CEO di Home Restaurant Hotel: «Home Restaurant Hotel seguirà lo sviluppo della vicenda e sarà sempre disponibile per eventuali collaborazioni per delineare giuste linee guida per il settore. “In questi anni – aggiunge Campolo – siamo entrati in contatto con migliaia di cittadini che vorrebbero mettersi in gioco e provare ad intraprendere un'iniziativa di Home Restaurant. Conosciamo molto bene le necessità del comparto e le potenziali criticità. In attesa di ulteriori sviluppi, non possiamo far altro che valutare positivamente questo approccio ed augurarci che altre regioni seguano l'esempio sardo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA