Dalle Associazioni

Assoedilizia: per l’idoneità statica degli edifici in Lombardia la proroga è in ritardo

Prorogare i termini dell'obbligo di certificazione dell'idoneità statica degli edifici – CIS (scadenza il 26 novembre prossimo) a data posteriore all'approvazione del nuovo Regolamento Edilizio: è quanto chiede al Comune di Milano Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia che rappresenta i proprietari immobiliari.
L' istanza è stata presentata il 23 settembre 2019 al Comune di Milano, Direzione Urbanistica.
«In data 21 dicembre 2018 - si legge ne comunicato di Assoedilizia - era stato dato avvio al procedimento relativo alla redazione del nuovo Regolamento Edilizio in adeguamento al Regolamento-tipo, in forza della delibera della Giunta Regionale 24 ottobre 2018 n. XI/695. Il procedimento, che si sarebbe dovuto concludere entro il 29 aprile 2019, a tutt'oggi è ancora in corso e pare che l'approvazione del nuovo Regolamento Edilizio venga rimandata a data successiva alla approvazione definitiva del P.G.T. che andrà in discussione nel prossimo ottobre; Assoedilizia, in considerazione delle perplessità che la norma regolamentare, che prevede l'acquisizione del CIS, genera in assoluto, delle enormi difficoltà che i soggetti tenuti al rispetto dell'obbligo incontrerebbero nella sua attuazione e soprattutto in considerazione della gravità delle sanzioni imposte per l'inadempimento; rilevato che, in ogni caso, la normativa regolamentare attualmente in vigore dovrà essere sostituita a breve, chiedeva che i termini imposti per l' entrata in vigore dell'obbligo venissero prorogati a tempi successivi all'approvazione del nuovo Regolamento Edilizio.
L' Amministrazione, a questo punto rilasciava a mezzo stampa pubbliche dichiarazioni di intenti nel senso della volontà di consentire il rinvio. E vi e' notizia che cio' sia in itinere, pur ancora senza l' emissione di un provvedimento formale avente l' effetto di sostituire la vigente norma regolamentare statuente il termine e senza alcuna comunicazione ufficiale del Comune in merito».


© RIPRODUZIONE RISERVATA