Dalle Associazioni

Confedilizia: I dati Istat confermano che i valori calano ma la patrimoniale resta

Dopo la pubblicazione della rilevazione Istat (per leggerla cliccare qui ) il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, ha dichiarato che «La nuova rilevazione Istat sull'andamento dei prezzi delle case conferma lo stato di crisi del mercato immobiliare italiano, unico in Europa a soffrire. Rispetto al 2010, i prezzi delle abitazioni esistenti risultano in calo – secondo l'Istituto di statistica – del 23,7 per cento. La realtà, peraltro, è ancora peggiore: in molte zone d'Italia si registrano diminuzioni superiori e non si contano i casi di valori azzerati per effetto dell'assenza di compratori disposti ad acquistare.
In questa situazione, un Governo responsabile inizierebbe a smontare la patrimoniale sugli immobili da 21 miliardi di euro l'anno, anche per favorire una ripresa dei consumi e delle mille attività economiche collegate all'edilizia, con riflessi positivi sull'occupazione. Ad oggi, invece, la patrimoniale Monti è ancora lì (anche se la legge del 2011 definisce l'Imu ‘sperimentale'...)».


© RIPRODUZIONE RISERVATA