Dalle Associazioni

Il ruolo ( e la colpa) delle associazioni

di Massimo Bargiacchi (presidente di Gesticond)

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Forse è un po' anche colpa nostra perchè non abbiamo saputo capire il tempo e incidere in profondità per affrontare i temi che la professione - quella professione che si stava materializzando - ci proponeva.
Se ci guardiamo alle spalle vediamo una evoluzione addirittura impetuosa della figura dell'amministratore condominiale che per incombenze e responsabilità ha stravolto completamente quel ruolo nato “ in casa” negli anni 60/70.
Forse è anche un po' colpa nostra perchè non abbiamo saputo ( o potuto?) svolgere quel ruolo sindacale che sarebbe stato così necessario.
Forse non è tardi e se sapremo cogliere l'opportunità che ci sta offrendo la politica, con l'intervento del Sottosegretario on. Jacopo Morrone, dimostrando coesione, unità d'intenti e idee chiare per ripensare la professione inserita nella moderna filiera immobiliare, offriremo professionalità e dignità al futuro.
Gesticond ha elaborato un progetto/documento dove, oltre a evidenziare le peculiarità professionali necessarie, propone un modello per (ri)definire la figura dell'amministratore condominiale, compenetrando le due realtà di chi desidera accedere alla professione e di chi intende proseguirla.
Per leggere il documento cliccare qui


© RIPRODUZIONE RISERVATA