Dalle Associazioni

Verde condominiale: oggi a Firenze si parla delle opportunità per i cittadini

È questo l'oggetto dell'incontro promosso da ANACI provinciale Firenze, Coldiretti Toscana, Symbola e Asso Floro con l'obiettivo di creare una rete tra le diverse figure professionali coinvolte nella gestione di questo patrimonio naturale. “All'amministratore Immobiliare, spetta la responsabilità importante di coordinare e gestire le figure più qualificate per organizzare questo genere di attività mettendo i condòmini nella condizione di poter vedere realizzati i lavori”, dice il presidente di ANACI nazionale Francesco Burrelli
Giardini e terrazze ma anche coperture a verde e giardini pensili: è un'area vasta, ovviamente Green, quella interessata dal Bonus verde per appartamenti, riconfermato anche per il 2019, con buon sollievo di chi, nelle cas, decide di lasciare spazio a piante e resto della flora. E' questo il tema centrale dell'appuntamento “Il verde in condominio. Gestione, regole, buone pratiche e l'opportunità del Bonus verde” previsto all'Aula Magna della Scuola di Agraria Università degli Studi di Firenze oggi, 21 Maggio, a partire dalle ore 10,00. Il convegno, organizzato da ANACI sede Provinciale di Firenze l'Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari, Coldiretti Toscana, Symbola e Asso Floro, in collaborazione, tra gli altri, con ANACI Toscana. Il convegno è rivolto ad amministratori Immobiliari, professionisti ed aziende della filiera del verde con l'obiettivo di creare una rete tra le diverse figure professionali coinvolte nella gestione di un patrimonio naturale, quello del verde condominiale, spesso poco considerato ma importante dal punto di vista ambientale, economico e sociale.
“L'appuntamento di Firenze, per il quale ringrazio per l'impegno profuso, la Presidente di Anaci Toscana Silvia Burchielli, il presidente provinciale Alberto Bruni e la Vice Presidente provinciale Simona Garofalo, è molto utile per far comprendere l'importanza dell'amministratore Immobiliare anche in relazione al verde condominiale, poiché a lui spetta la responsabilità di raccogliere le figure più qualificate per la gestione delle attività del settore, mettendo i condòmini nella condizione di poter vedere realizzati i lavori nel miglior modo possibile. Come per la sicurezza o l'efficienza energetica, anche questo campo coinvolge infatti le competenze della nostra categoria che, attraverso la formazione, deve poter rappresentare per i cittadini un referente autorevole e ben consapevole delle regole necessarie alla gestione del verde condominiale e alle opportunità che esso prospetta”, spiega Francesco Burrelli, Presidente di ANACI. Si aprono quindi prospettive importanti in un settore che investe numerose professionalità, “per questo è necessario che gli amministratori siano sempre più in grado di gestire una filiera molto vasta capace di coinvolgere un ampio spettro di aziende, non solo vivaistiche, professionisti, coordinando la condivisione delle rispettive conoscenze”.
Burrelli sottolinea inoltre l'importanza dell'attività svolta in questo particolare comparto dagli amministratori annunciando la prossima firma a Perugia, il 25 maggio, di un protocollo Nazionale tra ANACI e Asso Floro, rappresentata da Nada Forbici, per la gestione del verde condominiale, rispetto alla quale il relativo Bonus rappresenta una opportunità ulteriore di accesso alla cittadinanza. L'importo riconosciuto è pari infatti al 36% ed è possibile detrarre fino ad un massimo di 5.000 euro di spesa, importo relativo ai lavori in ciascun immobile di proprietà. Il rimborso massimo a cui si avrà diritto è quindi pari a 1.800 euro. Introdotto dalla scorsa Legge di Bilancio, il provvedimento prevede la detrazione Irpef anche per le spese sostenute per coperture a verde e giardini pensili, purché documentate e purché i pagamenti vengano effettuati con modalità tracciabili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA