Dalle Associazioni

Anaip: tra le priorità del governo ci sia il registro degli amministratori

«Nell'ottica della costante collaborazione con le Istituzioni, che da sempre contraddistingue le nostre azioni, formuliamo al Governo Conte i migliori auguri e mettiamo a disposizione la nostra storica esperienza nella formazione e rappresentanza degli amministratori immobiliari per contribuire a rendere più appetibile a tanti giovani questa attività e per migliorare la vita del consistente numero di persone che vivono in oltre 1.200.000 edifici in condominio presenti sul territorio nazionale.”.
Lo dichiara il Presidente Nazionale dell'Anaip Giovanni De Pasquale. L'Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari Professionisti è anche componente della Consulta dell'Osservatorio Parlamentare sul Mercato Immobiliare (OPMI).
«Durante la campagna elettorale – precisa il Presidente di ANAIP – abbiamo già avuto modo di confrontarci con le forze politiche oggi rappresentate in Parlamento chiedendo loro un preciso impegno su cinque punti che riteniamo debbano trovare attuazione nell'interesse dell'intera collettività condominiale e per un effettivo riconoscimento delle competenze, ormai manageriali, di chi svolge la professione di amministratore. Tra questi punti il primo riguarda l'istituzione del Registro degli Amministratori immobiliari e condominiali presso il Ministero della Giustizia, dicastero competente in tema di professioni. Non si tratta di un albo – ricorda Giovanni De Pasquale – ma di un Registro da aggiornare annualmente che censisca tutti coloro che svolgono tale professione indicando il regime fiscale con il quale operano ed i riferimenti dei corsi di formazione obbligatori ai sensi del DM 140/2014, naturalmente tenendo conto della normativa sulla privacy».
In merito, precisa De Pasquale «Abbiamo chiesto un incontro con il Presidente del Consiglio dei Ministri, Prof. Giuseppe Conte, per esplicitargli meglio come inserire la nostra proposta nella prossima Legge di Bilancio, richiamando anche l'Ordine del Giorno da noi proposto nella precedente manovra di bilancio e che aveva ricevuto un largo consenso da parte degli amministratori professionisti, di diverse associazioni e di numerosi parlamentari, ma non meno da parte del Ministero dell'Economia e delle Finanze perché utile a contrastare l'alta evasione fiscale causata da chi esercita abusivamente tale attività, spesso anche senza possedere i requisiti previsti dall'articolo 71 bis delle disposizioni d'attuazione del codice civile».


© RIPRODUZIONE RISERVATA