Dalle Associazioni

Affitti concordati, nuovo accordo a Castelfranco Veneto

Trasmesso al Comune di Castelfranco Veneto, l'accordo territoriale sottoscritto tra le associazioni della proprietà edilizia e degli inquilini, per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato. Lo segnala Confedilizia Treviso.
Le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini, maggiormente rappresentative nella Provincia di Treviso, hanno rivisto ed aggiornato anche l'accordo territoriale per il Comune di Castelfranco Veneto (dopo quelli di Treviso, Conegliano, Mogliano Veneto e Montebelluna ), necessario per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato, in applicazione delle norme di cui al decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 16 gennaio 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 marzo 2017, che ha rinnovato la normativa relativa a tale tipologia di contratti.
Il nuovo accordo, che sostituisce tutti i precedenti, è stato sottoscritto il 30 novembre e trasmesso al Comune di Castelfranco Veneto in data 1° dicembre 2017, da:
ASSOCIAZIONE PROPRIETA' EDILIZIA - CONFEDILIZIA Treviso, in persona del Presidente Marcello Furlan
U.P.P.I. (Unione Piccoli Proprietari Immobiliari), in persona del Presidente Marzio Bolondi
A.S.S.P.I. (Associazione Sindacale Piccoli Proprietari Immobiliari), in persona del Presidente Andrea Gatto
CONFAPPI (Confederazione Piccola Proprietà Immobiliare), in persona del Presidente Ines Durante
CONFABITARE (Associazione Proprietari Immobiliari), in persona del Presidente Francesco Marini
S.U.N.I.A. (Sindacato Unitario Nazionale Inquilini ed Assegnatari), in persona del Segretario Provinciale Alessandra Gava
S.I.C.E.T (Sindacato Inquilini Casa e Territorio), nella rappresentanza territoriale del Sig. Danilo Marangon
U.N.I.A.T. (Unione Nazionale Inquilini Ambiente e Territorio), in persona del Responsabile Territoriale Sig. Tozzato Mario
I proprietari e gli inquilini di abitazioni, situate nel Comune di Castelfranco Veneto, saranno ora più incentivati nello stipulare contratti di locazione con il cosiddetto “canale agevolato”, che permettono, ad entrambe le parti, di ottenere agevolazioni fiscali; naturalmente è sempre possibile stipulare contratti di locazione ad uso transitorio, anche per studenti universitari.
Dal 1° gennaio 2016 IMU e TASI sono ridotte del 25%, relativamente agli immobili locati a canone concordato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA