Dalle Associazioni

Arco apre agli Amministratori di condominio

Lo scorso 23 ottobre il Congresso Nazionale di ARCO ha deliberato le modifiche allo statuto necessarie all'apertura dell'associazione alla categoria degli “Amministratori di condominio”.
La nuova lettura della sigla ARCO è “Amministratori e Revisori Contabili Condominiali”.
La decisione è figlia di un processo di analisi di quello che è stato il vissuto nel primo anno associativo.
«La scelta di aprire agli Amministratori di condominio – ha dichiarato il Presidente nazionale – affonda le sue ragioni in due considerazioni politiche condivise in seno al Congresso: la prima è la necessità di ridurre la forbice di uno sbagliato antagonismo culturale che è venuto a crearsi sul mercato tra le figure di Amministratore e di Revisore; la seconda, è quella di assegnare una forte impronta identitaria ad una figura professionale più complessa e più professionalizzata. Invero, siamo certi non solo del fatto che il Revisore non sia un antagonista o, peggio, un nemico dell'Amministratore, ma siamo convinti che si tratti di un ulteriore livello di specializzazione dello stesso Amministratore di condominio. In questi ultimi mesi l'esperienza diretta ci ha consentito di verificare come sia già abbastanza diffusa, purtroppo, la figura di revisori della contabilità del condominio di provenienza assolutamente avulsa dal mondo del condominio e questo, a nostro avviso, costituisce un pregiudizio al comparto».
L'associazione ARCO, dunque, cambia volto ed i suoi responsabili sono già a lavoro per dare il via al primo corso di formazione iniziale per “Amministratore e Revisore Contabile Condominiale” che si terrà nei primi mesi del 2018, conforme alle norme vigenti (L. n. 220 – D.M. n. 140/2014).
Entro il prossimo mese il Congresso Nazionale approverà le definitive modifiche allo statuto e nominerà i nuovi vertici nazionali per dare, così, pieno regime a tutte le attività già dal 1° gennaio 2018.


© RIPRODUZIONE RISERVATA