Dalle Associazioni

Piccoli proprietari di casa: basta con i bazelli e stop alle patrimoniali

Si è tenuta a Roma lo scorso 25 settembre la riunione del Coordinamento dei Proprietari Immobiliari (ARPE-FEDERPROPRIETA', CONFAPPI, UPPI, MOVIMENTO PER DIFESA DELLA CASA). Il coordinamento, si legge nel comunicato, ha preso in esame i provvedimenti di legge di iniziativa governativa. Il Coordinamento ritiene che per la ripresa economica occorre assolutamente abbattere le tasse e balzelli con particolare riferimento a quelle sulla casa. In particolare è stato deciso di contrastare tutte le iniziative volte ad aggravare ulteriormente la posizione economica e fiscale dei proprietari di immobili da sempre oggetto di inique imposizioni. I proprietari di immobili non si accontenteranno delle rituali promesse elettorali né, tantomeno, delle elargizioni senza valido titolo tipiche del periodo preelettorale. Né, inoltre, saranno tollerate eventuali pretestuose richieste relative a patrimoniali od altro, quali si stanno prospettando, da parte della CE. Su questo punto si richiede espressamente l'impegno del governo e dei partiti, tenuto conto che sulle “problematiche della casa” non si sono avuti da anni interventi da parte dei ministeri competenti che costantemente tralasciano di trattare questo argomento.
Per quanto riguarda la prevenzione, si ritiene invece urgente che il governo chiarisca i contenuti dell'anagrafe dinamica del fabbricato con relativa defiscalizzazione. Il Coordinamento ritiene indispensabile la presenza delle organizzazioni di categoria maggiormente rappresentative nelle competenti commissioni istituzionali al fine di partecipare attivamente con un contributo competente alla emanazione dei relativi provvedimenti che riguardano principalmente i proprietari di casa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA