Dalle Associazioni

Federproprietà: incentivi per combattere il disagio sociale abitativo

Il Presidente di Federproprietà, on. Massimo Anderson, è intervenuto con una serie di puntualizzazioni in ordine ai provvedimenti in corso di adozione dal Ministero dell'Interno per far fronte all'emergenza abitativa ormai dilagante. «È ormai almeno un decennio - si legge nel counicato - che Federproprietà richiama continuamente l'Amministrazione pubblica sulla grave circostanza costituita dal trasformarsi del disagio abitativo in disagio sociale, come reso manifesto dai recenti eclatanti episodi; ma Federproprietà non si è fermata ai richiami, ed ha dettagliatamente esposto quali dovrebbero essere i rimedi: anzitutto va perseguita, dopo mezzo secolo d'inerzia, un'attenta e consapevole politica della casa nella quale deve trovare posto anche un sostanzioso intervento pubblico per nuovi programmi anche con particolare riguardo al recupero del patrimonio esistente. Nel contempo, ferma restando la necessità degli interventi per l'ordine pubblico e in particolare per la salvaguardia della proprietà, non può ignorarsi l'esigenza primaria di riattivare il mercato immobiliare anche attraverso opportuni incentivi per proprietari e inquilini. Altre forme d'intervento, anche temporaneo, volte ad alterare lo stesso contenuto del diritto di proprietà non possono essere in alcun modo tollerate, in quanto lesive dei diritti costituzionalmente garantiti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA