Dalle Associazioni

Laic punta sulla formazione dell’aministratore

La casa è un bene prezioso, Noi abbiamo a cuore chi la amministra. Questo lo slogan che apre il biglietto da visita di Laic (Lega Amministratori Immobiliari Condominiali), un'Associazione indipendente di categoria (aderente a Confassociazioni) costituita da persone e professionisti «con l'intento di offrire una casa comune a chi opera nel settore immobiliare, al fine di favorire una riqualificazione della figura professionale dell'Amministratore condominiale tramite l'innalzamento delle competenze specifiche e il consolidamento di un'etica professionale che condanni pratiche di mala gestione e rapporti non trasparenti con fornitori ed imprese, partecipando al processo di qualificazione della professione di amministratore condominiale e del suo ruolo sociale», così la descrive il Presidente nazionale, l'Avvocato Lorenzo Cottignoli di Bologna.
Scopo di Laic, si legge nella presentazione, è quindi quello di rappresentare e tutelare gli associati (Amministratori Immobiliari) promuovendo la formazione e l'aggiornamento della categoria professionale, ma non solo, spiega Cottignoli: «L'amministratore condominiale oggi non è solo un burocrate, ma una figura professionale sempre più specializzata. Questo è l'impegno che come Associazione ci siamo dati, organizzando direttamente una formazione qualificata, incentivando servizi di consulenza e di assistenza. Ma vorremmo spingerci oltre, contribuendo cioè ai progetti normativi per lo sviluppo e la qualificazione professionale degli Amministratori Immobiliari».
L'associazione conta Bologna come sede nazionale capofila a cui si aggiungono le sedi regionali di Lazio, Lombardia e Umbria.
Ad oggi gli strumenti di contatto sono il sito web www.legaamministratori.it i profili social Facebook e Twitter oltre ad un Numero Verde dedicato: 800134955.


© RIPRODUZIONE RISERVATA