Dalle Associazioni

Oggi a Messina la Festa del condominio, dedicata al «baratto amministrativo»

Da un'indagine condotta nel 2003 da Confedilizia presso le oltre 200 sedi territoriali dell'organizzazione, emerse che i primi pensieri che i proprietari di casa associavano alla parola “condominio” – una realtà con cui ha a che fare la maggior parte degli italiani – erano legati a problemi, contrasti, spese, stress.
Anche in seguito a quella indagine, Confedilizia – quale organizzazione storica dei proprietari di casa – decise di intraprendere una sfida e di farsi portatrice di un cambiamento, volto a modificare quella diffusa percezione dell'istituto condominiale.
Nel 2004 fu quindi indetta la prima edizione della “Festa del condominio” con lo scopo precipuo di consentire a tutti coloro che risiedono in edifici condominiali di vivere un momento sereno dedicato a questa importante dimensione della vita quotidiana, esaltandone gli aspetti positivi e attenuandone i risvolti problematici.
Alla fine del mese di settembre, quest'anno il 24, le Associazioni territoriali di Confedilizia organizzano così – in strade, piazze, cortili o giardini condominiali delle varie città – una giornata di aggregazione attorno all'entità condominiale, con attività di sia di intrattenimento sia di approfondimento (convegni, dibattiti ecc.) alle quali sono invitati tutti i proprietari di casa.
Il tema che costituisce il filo conduttore della tredicesima edizione della Festa – che prevede anche un appuntamento di rilievo nazionale a Messina, al quale interverrà il presidente della Confederazione, Giorgio Spaziani Testa – è “Il baratto amministrativo e gli interventi di sussidiarietà orizzontale”, e consentirà di approfondire previsioni normative che si ispirano a proposte “storiche” di Confedilizia, che oggi hanno trovato una formale regolamentazione nel codice degli appalti.
Maggiori informazioni sulla Festa del condominio possono essere richieste alle Associazioni territoriali di Confedilizia attraverso i recapiti presenti sul sito www.confedilizia.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA