Dalle Associazioni

Confedilizia chiede al viceministro Nencini il rilancio degli affitti calmierati

Confedilizia ha partecipato ad una riunione, indetta dal Viceministro delle infrastrutture e dei trasporti Riccardo Nencini, finalizzata a promuovere il rinnovo della “Convenzione nazionale” relativa ai contratti di locazione “agevolati” (cosiddetti concordati o 3+2), “transitori” (utili per i lavoratori fuori sede) e “per studenti universitari”.
Nel corso dell'incontro il presidente della Confederazione, Giorgio Spaziani Testa, ha osservato che «Presupposto per il rinnovo della Convenzione è che la prossima legge di stabilità contenga misure che possano determinare un rilancio di questa tipologia di affitti». In particolare – ha detto Spaziani Testa – “è essenziale che la manovra finanziaria preveda tre interventi:
1.stabilizzazione della speciale aliquota del 10 per cento della cedolare secca, attualmente prevista solo fino al 2017;
2.estensione a tutta Italia della sua applicazione, ora limitata ai Comuni considerati “ad alta tensione abitativa” (oltre che a quelli colpiti da calamità);
3.introduzione di un limite alla tassazione patrimoniale Imu-Tasi – quadruplicatasi rispetto all'Ici – degli immobili locati attraverso i contratti a canone calmierato”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA