Dalle Associazioni

Nel Def il Governo dà ragione a Confedilizia, riforma del catasto solo con garanzie sull’invarianza fiscale


Il fatto che il Governo precisi nel Def che la riforma del catasto non possa essere ancora attuata per via della necessità di «valutare in modo accurato gli effetti di gettito e distributivi sui contribuenti», costituisce una conferma delle motivazioni che avevano indotto Confedilizia a chiedere ed ottenere, nel giugno scorso, di non approvare il decreto legislativo che era stato predisposto, che non conteneva adeguate garanzie sul rispetto del principio dell'invarianza di gettito”. Lo dichiara il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa. «In particolare - si legge in una nota - Confedilizia aveva insistito per l'applicazione a livello comunale (controllabile, quindi) e non nazionale (del tutto incontrollabile) di tale principio, al quale la delega condizionava la revisione del catasto. Ed è evidente che un'applicazione seria di un principio così fondamentale impedisce di trasformare la revisione del catasto nell'occasione per aumentare un livello di tassazione sugli immobili già soverchiante».


© RIPRODUZIONE RISERVATA