Dalle Associazioni

Rivoluzionato il Centro studi nazionale Anaci

di Andrea Garbo

Il Centro Studi Nazionale Anaci, organo culturale di Anaci esiste sin dall'anno della costituzione di Anaci stessa e, più precisamente, dal 1995.
E' stato, da sempre, l'incubatore delle start up di Anaci. Il primo direttore, Giorgio Cambruzzi, lo aveva spinto sin dalle origini, nella direzione del “ fare per l'Amministratore associato Anaci” sostenuto dal Presidente di allora , Andrea Merello. Guarda caso entrambi si erano circondati di “ ragazzi giovani “ che dovevano sudare e galoppare per sentirsi dire …… “ grazie “ e nulla più.
Nel 1998 il CSN riuscì ad entrare in Parlamento e, in un blitz, grazie ad una congiunzione cosmica inspiegabile ( frutto di due anni di studio ) fece dirottare dall'Amministratore, come proposto nella legge finanziaria dell'anno, al condominio, l'onere e l'onore di essere sostituto d'imposta, ovvero esattore per conto dello Stato.
La prima svolta.
L'anno 2000 vide come Direttore l' Avv.to Eugenio Correale poi sostituito da Carlo Parodi e iniziò un lungo processo di assestamento sotto due presidenze. L'ultima, la più longeva, quella di Pietro Membri, che all'ultimo anno si è trovata a combattere con l'uscita della legge 220/2012 ; la nostra legge. Il legislatore non concesse in quella fase margini di manovra e il dispositivo, una volta emanato fece vedere fin da subito la sua portata rinnovatrice del mondo dell'Amministratore di Immobili. Poco dopo la legge 4 sulle professioni, completò il quadro generale .
Nel 2014 Presidente Anaci diventa Francesco Burrelli, che convince GianVincenzo Tortorici ad essere il Direttore del CSN.
La rivoluzione
Anaci, con immediatezza, prende il proprio Centro Studi e decide che la materia va governata attraverso la mente pensante ( il CSN ) volendo diventare il centro della cultura immobiliare e condominiale. Anche la legge 220/2012 è un momento rivoluzionario e per fare la controrivoluzione si deve lavorare su tutta la materia;
per capirla prima e per cambiarla poi;
non per distruggere, ma per concretizzare 20 anni di cultura Anaci ( quaranta se sommiamo la cultura Anai ed Aiaci ) e aiutare il legislatore a dare coerenza interpretativa a quei due disposti chiave che sono la legge 220/2012 e la legge 4/2013.
Il CSN in numeri ( letterali )
Un Direttore
Un Segretario
Quattro coordinatori di livello e tematici
Sette Amministratori Anaci Dirigenti nel territorio
Ventotto Avvocati
Quattro ingeneri
Due Geometri
Tre commercialisti.
Presidente Tesoriere e Segretario Nazionale sempre presenti ai lavori
Una sezione del sito web di Anaci dedicata comprensiva di area di lavoro intranet con banca dati dedicata
Venti commissioni di lavoro costituite su 20 argomenti diversi nelle varie discipline afferenti il Condominio e l'Amministratore
Dodici riunioni del CSN già programmate e convocate
Dialogo diretto con l'organo politico di Anaci che valuta l'operato del CSN sugli argomenti cardine del mondo condominio in ogni sua sfaccettatura
Due interpelli in fase di consegna alla agenzia delle entrate
Dieci pareri di indirizzo interno sulle modalità di formazione dell'Amministratore Associato Anaci ai sensi del d.m. 140/2014
Linee guida sugli effetti e sulla apllicazione dell'art. 71 bis delle disp.att. del c.c con lo scopo ultimo di qualificare secondo legge tutti gli associati a tutela del cliente/consumatore.
Dodici mesi di lavoro spesi bene.
Padova ha, di fatto , celebrato questo evento durante lo svolgimento dei lavori del Consiglio Nazionale di Anaci il 5 dicembre 2015.


© RIPRODUZIONE RISERVATA